Niccolò il primo giorno di scuola elementare era preoccupato, non sapeva bene cosa lo aspettasse, l’ho lasciato titubante e pensieroso, sono andata a prenderlo che era felice e pieno di voglia di fare. 

Da mamma non potevo che essere felice per la cosa, ma devo dire che l’entusiasmo dei primi tre giorni è già svanito. 
Questa sera era un continuo lamento, a scuola devo stare sempre seduto, mi fanno colorare tutto il giorno, e fate questo è fate quello. Ho cercato di fargli capire che i primi giorni farà cose più leggere, per iniziare dopo con lezioni e esercizi per imparare a leggere e scrivere, ma visto che i lamenti non si fermavano, sono andata dritto al punto; Niccolò, da ora iniziano i tuoi 20 anni di studi, quindi smetti di lamentarti , dormi, e inizia a studiare!!! Dite che forse sono stata troppo brusca???? Beh forse si, ma ho avuto l’effetto che speravo, ha sbuffato, mi ha dato il bacio della  buonanotte e si è addormentato. Non sono mai stata paziente, anzi, la pazienza è iniziata ad arrivare da quando ho i bimbi. Non so come facciano certe mamme, mi sembrano bambole di porcellana, sempre perfette in ogni occasione, pacate, sembrano uscite da qualche film americano, dove tutto è bello, i figli sono tranquilli, non urlano mai, non fanno capricci , e quando la madre gli dici qualcosa, questi come rispondono??? Certo mamma, va bene mamma…… Ma da dove sono usciti??? Esistono veramente bimbi così??? Ok dai siamo durante le riprese di un film, ora quel bimbo così educato si trasforma, ne sono sicura, inizierà ad urlare, tirerà la maglia della mamma per chiedergli qualcosa mentre lei sta parlando con un’altra mamma, dai su bimbo fai una puzzetta, un pianto, fammi vedere se sei reale. Invece no, tutto quello che speri lo faccia quel bimbo,lo fà il tuo di figlio, e lì in quel momento esce tutta la tua pazienza, esce un auto controllo che non pensavi di avere, riprendi i bimbi con una educazione esemplare, mentre dentro di te il diavolo sta preparando il forcone per farli fuori. 
A voi capita mai??? I miei figli a volte sono proprio stronzi (sono la madre lo posso dire) , sembra abbiano dei sensori, a volte sono dei perfetti lord, a volte sembrano usciti da un film gangster. 
Comunque ritorniamo a noi e parliamo di cose serie. Oggi vi propongo questa torta , la ricetta è presa dal libro Dolci naturali di Amber Rose.
Un libro fonte di ispirazione, nelle ricette utilizza solo frutta di stagione, alimenti naturali e farine come quella di farro, segale e grano saraceno, nelle ricette padroneggia il miele
e lo zucchero non raffinato.
La ricetta che vi vado a proporre l’ho leggermente modificata, ho tolto le mandorle e ho aggiunto dell’ottimo cioccolato fondente, un tripudio di piacere per i vostri palati.
INGREDIENTI:

260 gr di fichi maturi, tagliati a fette
115 gr miele
semi di 1/2 baccello di vaniglia
100 gr burro ammorbidito
140 gr farina di farro
1 cucchiaino di lievito in polvere
50 gr noci tagliate grossolanamente
50 gr di cioccolato fondente a pezzetti
3 uova
70 ml di latte
cannella (facoltativa)
PROCEDIMENTO:

Preriscaldate il forno a 180°
In una ciotola mettete i fichi tagliati, i semi di vaniglia e 40 gr di miele, mescolate delicatamente.
In un’altra bacinella, lavorate il burro con il miele rimasto,aggiungete poi farina , uova, latte, noci, cioccolato e lievito. Mescolate bene l’impasto in modo che risulti tutto omogeneo ( io con la frusta a mano sono riuscita benissimo) , oppure usate quella elettrica.
Foderate una tortiera del diametro di 22cm e versate metà impasto, spargete sopra i fichi e ricoprite con il restante impasto.
Spolverizzate la superficie con cannella in polvere.
Fate cucinare per 40/45 minuti
Togliete dal forno e fatela raffreddare.
Alla prossima ricetta 
Silvia
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *